Tipologie di procedimento

Dlgs 14 marzo 2013, n. 33
articolo 35 commi 1, 2

Obblighi di pubblicazione relativi ai procedimenti amministrativi e ai controlli sulle dichiarazioni sostitutive e l'acquisizione d'ufficio dei dati

1. Le pubbliche amministrazioni pubblicano i dati relativi alle tipologie di procedimento di propria competenza. Per ciascuna tipologia di procedimento sono pubblicate le seguenti informazioni:
a) una breve descrizione del procedimento con indicazione di tutti i riferimenti normativi utili;
b) l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria;
c) l'ufficio del procedimento, unitamente ai recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale, nonchè, ove diverso, l'ufficio competente all'adozione del provvedimento finale, con l'indicazione del nome del responsabile dell'ufficio, unitamente ai rispettivi recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale;
d) per i procedimenti ad istanza di parte, gli atti e i documenti da allegare all'istanza e la modulistica necessaria, compresi i fac-simile per le autocertificazioni, anche se la produzione a corredo dell'istanza è prevista da norme di legge, regolamenti o atti pubblicati nella Gazzetta Ufficiale, nonchè gli uffici ai quali rivolgersi per informazioni, gli orari e le modalità di accesso con indicazione degli indirizzi, dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale, a cui presentare le istanze;
e) le modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardino;
f) il termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l'adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante;
g) i procedimenti per i quali il provvedimento dell'amministrazione può essere sostituito da una dichiarazione dell'interessato, ovvero il procedimento puo' concludersi con il silenzio assenso dell'amministrazione;
h) gli strumenti di tutela, amministrativa e giurisdizionale, riconosciuti dalla legge in favore dell'interessato, nel corso del procedimento e nei confronti del provvedimento finale ovvero nei casi di adozione del provvedimento oltre il termine predeterminato per la sua conclusione e i modi per attivarli;
i) il link di accesso al servizio on line, ove sia già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione;
l) le modalità per l'effettuazione dei pagamenti eventualmente necessari, con le informazioni di cui all'articolo 36;
m) il nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo, nonchè le modalità per attivare tale potere, con indicazione dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale;

2. Le pubbliche amministrazioni non possono richiedere l'uso di moduli e formulari che non siano stati pubblicati; in caso di omessa pubblicazione, i relativi procedimenti possono essere avviati anche in assenza dei suddetti moduli o formulari. L'amministrazione non può  respingere l'istanza adducendo il mancato utilizzo dei moduli o formulari o la mancata produzione di tali atti o documenti, e deve invitare l'istante a integrare la documentazione in un termine congruo. 

Gestione e controllo servizio di mensa scolastica

Responsabile di procedimento: De Vito Donata
Responsabile di provvedimento: Dott.ssa Vitale Donata
Responsabile sostitutivo: De Carlo Eugenio

Descrizione

Il procedimento si articola nei seguenti sub procedimenti:

  1. Approvazione della modulistica relativa al servizio di refezione scolastica, per le diete speciali per le scuole d’infanzia e delle scuole primarie
  2. Liquidazione mensile delle somme impegnate, alla ditta aggiudicatrice, per il servizio di refezione nelle scuole dell’Infanzia Statali e scuole primarie a tempo pieno e/o prolungato
  3. Liquidazione alla ditta aggiudicatrice del servizio di refezione degli oneri per la sicurezza

ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI MENSA
1. Finalità
Il Servizio Istruzione ritiene utile avvalersi della collaborazione delle Commissioni
Mensa intese quali organi di rappresentanza ai sensi delle linee di indirizzo nazionale
per la ristorazione scolastica (pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale n. 134 dell’11.6.2010).
Le Commissioni Mensa svolgono:
· un ruolo di collegamento tra l’utenza e il Servizio Istruzione, facendosi carico di
riportare i suggerimenti e i reclami che pervengono dall’utenza stessa,
· un ruolo di collaborazione nel monitoraggio dell’accettabilità del pasto e delle
modalità di erogazione del servizio,
con le modalità indicate nel presente regolamento
2. Costituzione e durata della Commissione Mensa
Le Commissioni Mensa possono essere costituite presso ogni singola scuola (intesa
come complesso dei plessi) dove viene erogato il Servizio Refezione Scolastica.
La Commissione Mensa è nominata da parte del Dirigente Scolastico, con adeguato
coinvolgimento degli organi collegiali della scuola sulla base della vigente
regolamentazione.
La Commissione Mensa viene nominata all’inizio dell’anno scolastico con durata di due
anni scolastici e decade con la fine del secondo anno scolastico successivo a quello della
nomina.
Tuttavia può rimanere in carica fino a quando non si provvede all’insediamento della
nuova Commissione, ma non oltre il mese di dicembre dell’anno di scadenza.
Il Dirigente Scolastico comunica tempestivamente con posta elettronica, all’Ufficio
Istruzione l’avvenuta nomina della Commissione Mensa e la sua composizione
attraverso la trasmissione dell’allegato modulo debitamente compilato in ogni sua parte
e sottoscritto dal Responsabile scolastico.
Qualora nel corso dei due anni scolastici previsti per la Commissione vengano a
decadere dalle funzioni alcuni suoi componenti oppure nel caso di dimissioni, il
Responsabile scolastico provvede alla loro sostituzione mediante nuove nomine, anche
al fine di garantire il numero minimo di componenti così come in tale arco temporale è
comunque possibile l’integrazione della Commissione mediante nuove nomine
nell’ambito dei limiti massimi di composizione.
Si precisa che il modulo attestante la nomina potrà essere trasmesso anche
successivamente al mese di dicembre nel caso di ritardata costituzione della
Commissione Mensa, come pure dovrà essere trasmesso in versione aggiornata in ogni
occasione di modifica della composizione della Commissione Mensa (dimissioni,
decadenze e/o nuove nomine).
L’avvenuta trasmissione del modulo predetto al Servizio Istruzione da parte del
responsabile scolastico costituisce il presupposto per il regolare funzionamento della
Commissione Mensa con l’attribuzione delle relative prerogative.
Copia del citato modulo dovrà essere consegnato ad ogni membro della Commissione.
Il responsabile scolastico si impegna ad esporre in bacheca visibile agli utenti il modulo
di nomina nella sua versione aggiornata, oltre ai riferimenti del coordinatore della
Commissione, secondo quanto indicato all’art. 5.
3. Composizione
I componenti della Commissione Mensa non possono essere riconfermati oltre l’anno
scolastico di nomina.
Essi decadono automaticamente dalle funzioni qualora cessi l’appartenenza alla
categoria di rappresentanza (es.: per un insegnante: trasferimento o collocazione a
riposo; per un genitore: trasferimento del figlio ad altra scuola).
Requisiti per la nomina sono i seguenti:
· per i genitori: iscrizione del/i figlio/i all’Istituto scolastico nella sede della
Commissione;
· per il personale scolastico: prestazione del servizio nella sede della Commissione;
· per tutti i componenti: inesistenza di potenziali conflitti di interesse con l’impresa
di ristorazione scolastica che eroga il servizio.
· di ogni Commissione potrà, inoltre far parte (senza onere alcuno per
l’Amministrazione Comunale e le Istituzioni Scolastiche) un esperto fra le
seguenti categorie:
Pediatra;
Medico di famiglia;
Nutrizionista;
Biologo;
Esperto sistemi di qualità;
Dietista;
Esperto in scienze alimentari.
La composizione delle Commissioni è la seguente:
Scuole d’infanzia
· 1 insegnante
· 1 collaboratore scolastico
· 2 genitori
Componenti: 4
Scuole Primarie
· 1 insegnante
· 1 collaboratore scolastico
· 2 genitori
Componenti: 4
La Commissione Mensa nomina al proprio interno un Coordinatore scelto fra la
componente genitori.
4. Funzionamento
I componenti della Commissione Mensa possono accedere per i controlli ai locali
destinati al servizio di ristorazione solamente se si trovano in buone condizioni di
salute; dovranno essere muniti di copia del modulo di nomina sottoscritto dal Dirigente
scolastico.
Dovranno svolgere le proprie funzioni di controllo senza ostacolare o ritardare lo
svolgimento del servizio, con esclusione di ogni forma di contatto diretto o indiretto con
gli alimenti, utensileria, stoviglie o altri oggetti destinati a venire a contatto con le
sostanze alimentari. In particolare nel caso di verifiche in aree delicate dal punto di vista
igienico - sanitario, è necessario adeguato abbigliamento.
I membri della Commissione non possono formulare osservazioni o contestazioni al
personale dipendente dalle imprese di ristorazione, né richiedere la consegna di copia di
alcun documento.
Il controllo della Commissione Mensa verte sul rispetto da parte delle imprese di
ristorazione delle prescrizioni contenute nel capitolato d’appalto e in particolare sulle
modalità di svolgimento del servizio indicate nelle check list messe a disposizione dal
Servizio Istruzione (per esempio: verificare l’esatta distribuzione delle diete speciali, la
pulizia delle attrezzature, degli arredi e dei locali dove vengono consumati i pasti e delle
relative pertinenze).
Nelle scuole per l’infanzia, i componenti della Commissione possono assistere in
particolare all’arrivo delle derrate e verificarne la conformità al capitolato d’appalto,
anche con riferimento alle grammature delle derrate, e al menù del giorno, assieme agli
operatori addetti.
Non è, invece, consentita la permanenza negli ambienti dedicati durante la porzionatura
dei pasti: eventuali controlli all’interno di questo locale possono essere effettuati prima
dell’inizio delle manipolazione delle derrate o dopo la distribuzione dei pasti.
Non è, altresì, consentita la permanenza nei locali dedicati alla somministrazione dei
pasti, durante la somministrazione stessa.
In tutte le scuole è possibile verificare che le operazioni di consegna delle derrate e dei
pasti avvengano nel rispetto delle tempistiche indicate nel capitolato d’appalto.
La Commissione può relazionare al Servizio Istruzione avvalendosi esclusivamente della
modulistica predisposta ad hoc al fine di agevolare le operazioni di controllo e gli
interventi successivi del Servizio medesimo, fermo restando la possibilità di redigere
verbali interni in merito allo svolgimento della propria attività; in ogni caso la
Commissione relaziona due volte l’anno.
Ogni anno in prossimità della data del 31 maggio è facoltà della Commissione segnalare
all’Ufficio Istruzione i propri suggerimenti in merito alla composizione del menu che
verranno debitamente considerati nella predisposizione dei menu per l’anno scolastico
successivo e ogni suggerimento utile.
Le Commissioni Mensa possono chiedere all’Ufficio Istruzione di effettuare visite presso
le sedi operative delle imprese di ristorazione secondo le modalità che verranno
concordate con detto ufficio, al fine di organizzare opportunamente il controllo a
sorpresa presso tali sedi.
E’ altresì possibile effettuare visite guidate presso gli stabilimenti di produzione delle
aziende di ristorazione da parte degli utenti accompagnati dai genitori, insegnanti,
responsabili scolastici secondo un calendario preventivamente concordato con l’Ufficio
Istruzione.
La Commissione può effettuare un controllo della gradibilità dei pasti mediante
l’assaggio, che potrà avvenire per un massimo di due pasti completi della Commissione
per Istituto al giorno; in tal caso i componenti non dovranno preavvisare l’Istituto
Scolastico, l’Ufficio o le ditte fornitrici e per il consumo del pasto non sarà richiesto
alcun corrispettivo; i due pasti dovranno essere previamente porzionati per il numero
dei componenti della Commissione presenti.
I Dirigenti Scolastici potranno sovrintendere a tutte le operazioni della Commissione
mensa.
5. Riferimenti del coordinatore della Commissione Mensa
E’ facoltà del coordinatore della Commissione comunicare al responsabile scolastico e
all’Ufficio Istruzione il proprio numero di telefono e indirizzo mail al fine della
pubblicazione di tali dati nella bacheca della scuola e sul portale del Comune di Martina
Franca, autorizzando espressamente detta pubblicazione, affinché la Commissione
Mensa possa ricevere informazioni sul Servizio da parte delle famiglie degli utenti e
possa ricevere direttamente eventuali comunicazioni da parte del Servizio Istruzione.
6. Apporto collaborativo
L’Amministrazione Comunale attiverà forme di consultazione con Dirigenti scolastici,
Consigli di Istituto e le Commissioni Mensa, ai fini della predisposizione di nuovo
Capitolato di appalto e in ogni caso per questioni di rilevanza che interessino il servizio.

COME SI RICHIEDE IL SERVIZIO

compilando l'istanza sul portale : https://pastoresrl.com/martinafranca/ ,seguendo le indicazioni.

Per eventuali informazioni e ulteriori richieste è disponibile un front office fisico ubicato in Martina Franca alla via Mottola n. 21/A.

L'Ufficio mensa della società "Pastore S.r.l. Valle d'Itria food service S.r.l." osserva i seguenti orari: dal Lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle 12.00 ed anche il martedì e giovedì pomeriggio, dalle 14.30 alle 17.00.

Tel. 3802095353

Email: martinafranca@pastoresrl.com

Chi contattare

Personale da contattare: De Vito Donata

Termine di conclusione

Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no
30 gg

Costi per l'utenza

 

tariffa per pasto
FASCIA ISEE INTERO  RIDOTTO*
A Oltre 30.000,01 € 5,00 € 4,00
B da 22.500,01 a 30.000,00 € 3,50 € 2,60
C da 15.000,01 a 22.500,00 € 3,00 € 2,30
D da 7.500,01 a 15.000,00 € 2,50 € 2,00
E da 0,01 a 7.500,00 € 1,00 non si applica riduzione
F 0,00 Esente Esente
      *secondo figlio

 

Regolamenti per il procedimento

Riferimenti normativi

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: 1 anno

Allegati

INFORMAZIONI MENSA 2021-2022: 1. Manifesto_def.pdf (Pubblicato il 07/10/2022 - Aggiornato il 07/10/2022 - 1631 kb - pdf) File con estensione pdf
MANUALE PER ISCRIZIONE SUL PORTALE: 2. Manuale di Utilizzo - Comune di MARTINA FRANCA.pdf (Pubblicato il 07/10/2022 - Aggiornato il 07/10/2022 - 2718 kb - pdf) File con estensione pdf
TABELLA MENU' AUTUNNO INVERNO 4.11.2021: SERVIZIO MENSA MENU' AUTUNNO INVERNO 4.11.2021 (Pubblicato il 17/11/2021 - Aggiornato il 17/11/2021 - 367 kb - generica) File con estensione generica
MODELLO DIETA SPECIALE 19.20 DET. 643 DEL 27.6.19: MODELLO DIETA SPECIALE 19.20 DET. 643 DEL 27.6.19.docx (Pubblicato il 04/07/2019 - Aggiornato il 04/07/2019 - 36 kb - docx) File con estensione docx
Facebook Twitter Linkedin