Portale Trasparenza Comune di Martina Franca - Prevenzione della Corruzione

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Whistleblowing

Con il termine "whistleblowing" si indica la segnalazione, compiuta da un dipendente pubblico o dai collaboratori delle imprese fornitrici di beni o servizi in favore dell'Amministrazione,  di situazioni ritenute illecite (anche non rilevanti penalmente) che possono arrecare un danno, pur soltanto di immagine, all’Ente.

L’art. 54-bis del d.lgs. 65/2001, rubricato “Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti”, prevede che il segnalante non possa essere sottoposto a misure di tipo ritorsivo (es. licenziamento, demansionamento) in ragione della segnalazione effettuata.

l'Autorità Nazionale Anticorruzione, sentito il Garante per la protezione dei dati personali, ha previsto l'utilizzo di modalità informatiche per garantire la riservatezza circa l'identità del segnalante e gestire il contenuto delle segnalazioni e della relativa documentazione.

Il Comune di Martina Franca, aderendo al progetto WhistleblowingPA di Transparency International Italia e del Centro Hermes per la Trasparenza e i Diritti Umani e Digitali, ha adottato la piattaforma informatica per le predette segnalazioni, che possono essere effettuate all’indirizzo web:

 

 martinafranca.whistleblowing.it.

 

Le caratteristiche di questa modalità di segnalazione sono le seguenti:

  • viene fatta attraverso la compilazione di un form. Sarà presa in carico solo se adeguatamente circostanziata;
  • viene ricevuta dal Responsabile per la Prevenzione della Corruzione (RPC) e da lui gestita mantenendo il dovere di confidenzialità nei confronti del segnalante;
  • nel momento dell’invio, il segnalante riceve un codice numerico di 16 cifre che deve conservare per poter accedere nuovamente alla segnalazione, verificare la risposta dell’RPC e dialogare rispondendo a richieste di chiarimenti o approfondimenti;
  • può essere fatta da qualsiasi dispositivo digitale (pc, tablet, smartphone) sia dall’interno dell’Ente che dal suo esterno. La tutela dell’anonimato è garantita ai sensi di legge.

 

Contenuto inserito il 29-10-2019 aggiornato al 23-01-2020
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Il progetto Portale della trasparenza è sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it